cerca

Messaggi Shiatsu e-zine
MAGAZINE
OPERATORI
FORMAZIONE
CURE DOLCI
immagine
chi siamo
contattaci
newsletter
credits
home .. editoriale
Editoriale

QUALE SCUOLA ? GUIDA (senza censure) ALLA SCELTA DELLA SCUOLA DI SHIATSU!


Quello che c'è da sapere e i (nostri) criteri per capire se una scuola non è una "bufala"

di Luca Ciraulo, Donato Mellone, Sabrina Somma

Avete scelto di iniziare una formazione shiatsu e chiedete di poter avere dei criteri per giudicare una buona scuola? bene, armatevi di pazienza e di un buon senso di orientamento, vi porteremo attraverso un labirinto di sigle, stili, modi di fare e di dire, vizi privati e pubbliche virtù delle scuole di shiatsu (e non solo) in Italia.

Questa inchiesta è il frutto non solo dell'esperienza pluriennale di chi scrive a contatto con il mondo dello shiatsu in Italia ed in Europa, ma condensa le esperienze di centinaia di lettori, allievi, professionisti che ci hanno scritto, contattati e hanno parlato con noi in questi ultimi 10 anni. Non è nostro intenzione suscitare polemiche, semmai offrire spunti di discussione. Soprattutto vuole suggerire ai lettori un criterio per valutare una proposta formativa per diventare operatore shiatsu. Non è l'unico criterio, ma è il nostro: giudichi il lettore se è ragionevole oppure no.

Le regole base

Lo shiatsu non è regolamentato da nessuna legge nazionale, (anche se in Lombardia e Toscana 2 leggi regionali sono approvate ma non ancora pienamente vigenti al momento di questa pubblicazione) Questo comporta che:
  • Per praticare shiatsu teoricamente non occorrerebbe nemmeno un titolo di studio. L'iniziativa delle scuole è privata, chi desidera divenire un operatore shiatsu valuti la scuola, non le sigle di appartenenza o le offerte gratuite: si possono prendere grandi abbagli!!!

  • Si tratta di una "professione libera" ovvero "non regolamentata" da una legge (come molti altri lavori e professioni), che è possibile praticare purché si sia "contribuenti" (fiscali e previdenziali, come liberi professionisti o con contratto) e si rispettino le altre leggi dello stato.

  • Le offerte formative per praticare shiatsu sono molto diverse le une dalle altre, sia in termini di stile che di monte di ore. Non è vero che "l'una vale l'altra" - La realtà è che vi sono profonde differenze in termini di qualità dell'offerta.

  • Nessuna scuola o Associazione professionale (una decina, solo le maggiori, in Italia, incluse quelle che si definiscono "Federazioni") può affermare che l'attestato o diploma rilasciato, o l'iscrizione nelle proprie liste, abbiano valore "abilitante" alla professione di Operatore shiatsu. Finché una legge non ne stabilisce i criteri di riconoscimento, la menzione di "patentini" "abilitazione" o iscrizione ad "albi", usati per far intendere che autorizzano legalmente alla professione, è un raggiro.

Dove non c'è regolamentazione, come nello shiatsu, troverete certamente molte persone che hanno saputo coniugare intelligenza, senso di responsabilità e passione. Ma la normalità non è questa. Non fermatevi perciò alla scuola che avete pensato "è una fortuna avere vicino casa" ; Potrebbe essere la migliore scuola del mondo, ma molto meglio visitarne più di una, anzi il maggior numero possibile. Vi renderete conto di quanto diversa sia la qualità dell'offerta. Solo allora potrete scegliere con maggiore serenità.

 

L'articolo continua nel pdf (per scaricarlo clicca qui )che contiene i seguenti argomenti:

Rubriche
SHIATSU E SCIENZA
POLITICA E SOCIETA'
REPORTAGE
RASSEGNA STAMPA
back
nel pdf tutti gli argomenti che dovete assolutamente leggere :

clicca qui per scaricarlo

Copyright 2002-2004 MessaggiShiatsu. Tutti i diritti riservati. ShiatsuNet.it
Tutti i diritti riservati